Piccolo prestito Inpdap: tutto quello che c’è da sapere

Per affrontare momenti difficili o situazioni urgenti c’è spesso bisogno di chiedere un prestito di importo esiguo che sia in grado di sopperire alle contingenze temporanee. Nel ventaglio di possibilità offerte ai lavoratori e pensionati pubblici vi è il piccolo prestito Inpdap, di cui possono usufruire gli iscritti alla Gestione Unitaria delle Prestazioni Creditizie e Sociali. A partire dal 2007 il Governo ha esteso l’opportunità di accedere a questo fondo credito anche a tutti i dipendenti pubblici e pensionati anche non iscritti all’INPDAP.

Come presentare la domanda

Il piccolo prestito Inpdap è un vero e proprio finanziamento a tasso agevolato con un piano di ammortamento rate di durata variabile (12,24, 36 o 48 rate)  oppure della durata complessiva di 5 e 10 anni (ma solo in caso di motivazioni e spese che vanno documentate nel dettaglio). L’ammissione al piccolo prestito Inpdap da parte di lavoratori e pensionati pubblici può avvenire attraverso l’inoltro di una domanda da indirizzare all’Ufficio provinciale o territoriale dell’Inps Gestione Dipendenti pubblici.

La domanda può essere inoltrata anche per via telematica, sul portale Stipendi PA, senza obbligo di fornire ulteriore documentazione al riguardo. Utilizzando questo utile strumento self-service gli interessati potranno inoltrare la richiesta visualizzando  prima un “preventivo”con importo complessivo del prestito, simulazione rate e piani di ammortamento e controllando lo stato della domanda durante l’istruzione della pratica fino all’erogazione del finanziamento.

Che cos'è e come funziona il piccolo prestito InpdapPiccolo prestito INPS gestione ex INPDAP

Questo tipo di prestito può invece essere richiesto accedendo al portale NoiPa, nella zona riservata ai singoli utenti registrati. Una semplice procedura guidata aiuterà l’utente a compilare correttamente l’istanza per la richiesta di piccolo prestito INPS gestione ex INPDAP su apposito modulo precompilato. Se la richiesta di prestito viene accettata, la somma prevista verrà erogata dall’INPS sul conto corrente che viene indicato nella domanda. Al piccolo prestito INPS gestione ex INPDAP possono accedere:

1) dipendenti e pensionati pubblici assunti con contratto a tempo indeterminato, 4 anni di anzianità di servizio e 4 anni di versamento contributivo alla Gestione unitaria delle prestazioni creditizie e sociali;

2) i coniugi possono accedere al finanziamento con due domande distinte anche rispetto al medesimo evento verificatosi nell’anno stabilito ai fini della validità (ma la somma non potrà superare la spesa totale;

3) dipendenti pubblici e pensionati possono presentare domanda con la medesima motivazione se l’evento dovesse verificarsi nuovamente.

Erogazione piccolo prestito Inpdap

Le somme del piccolo prestito vengono erogate solitamente entro i 60 giorni che decorrono dal ricevimento della domanda, mentre per i prestiti di durata 5 e 10 anni i tempi di erogazione si allungano un po’ e possono arrivare a 90 giorni circa da quando la domanda è giunta a destinazione.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *