Come accedere al Fondo di Garanzia mutui 2017

Per alcune categorie di persone può essere difficile l’accesso ad un mutuo da parte delle banche: per loro è stato istituito il Fondo di Garanzia mutui.

Il mercato immobiliare si sta riprendendo: i dati relativi agli ultimi mesi del 2016 e ai primi del nuovo anno sono abbastanza positivi. Secondo alcune stime recenti, le compravendite in questo settore hanno registrato un incremento del 17,4% e le prospettive future sono incoraggianti. In particolare, si rileva una diminuzione dei prezzi degli immobili ed un calo degli interessi nei mutui.

Acquistare una casa per alcune categorie di persone come i giovani è ancora difficile se non si dispone del capitale necessario. Ci sono però soluzioni e agevolazioni previste proprio per rendere più facile l’acquisto di prima casa da parte di giovani coppie: il Fondo di Garanzia mutui è una di queste. Anche per il 2017 la Legge di Stabilità emanata dal Governo ha stabilito le regole di accesso a questo Fondo per incentivare il mercato immobiliare.

Come funziona il Fondo di Garanzia mutui

Grazie all’istituzione del Fondo di Garanzia possono accedere ad un mutuo anche coloro i quali non riescono a farlo tramite le banche a causa di mancanza di garanzie del credito. Famiglie in difficoltà e giovani coppie possono fare domanda e ottenere una copertura fino ad un massimo di 250 mila euro (circa 50% della quota capitale). Il finanziamento ottenibile può servire anche a sostenere eventuali spese per la ristrutturazione dell’immobile e per predisporre interventi di risparmio energetico. Le banche che aderiscono a questa iniziativa al momento sono 171: l’elenco è disponibile sul sito della Consap, che è la società incaricata dal Ministero di gestire il Fondo di Garanzia.

L’importo disponibile del Fondo Garanzia

Introdotto con un decreto interministeriale il 31 Luglio 2014, il Fondo di Garanzia è decollato l’anno dopo, raggiungendo però il picco delle domande soltanto nel 2016. Per il triennio 2014-2017 l’importo disposto dal Governo a tale scopo ammonta a 670 milioni di euro.

Non vi sono particolari limiti o restrizioni circa i requisiti per poter accedere al Fondo: l’immobile da acquistare, però, non deve essere ricompreso nella categoria “Lusso”.