Investimenti sicuri nel 2019: meglio se a lungo termine

I piccoli risparmiatori sanno bene che gli investimenti tendono sempre ad oscillare tra sicurezza e crescita (intesa come profitto), a seconda dei periodi e delle circostanze esterne. La tendenza alla sicurezza e quindi a non rischiare offre una valida protezione nel presente, ma non permette di ottenere risultati nel futuro. Per effettuare investimenti sicuri bisogna valutare bene i rischi del mercato finanziario: ad esempio, con gli attuali tassi di interesse, investire potrebbe essere rischioso a causa dell’inflazione e lo scarso potere d’acquisto del denaro.

Investimenti a breve e lungo termine

Se stai cercando di costruire un portafoglio di investimenti per il tuo futuro dovresti conoscere bene la differenza tra investimenti a breve e lungo termine. I primi hanno come obiettivo la conservazione del capitale (riducendo a zero le percentuale di rischio), mentre i secondi mirano alla creazione di nuova ricchezza (ad esempio è questa la principale caratteristica degli investimenti in Borsa). Decidere di investire a lungo termine significa accettare il rischio nel perseguire obiettivi più ambiziosi e ottenere risultati più soddisfacenti in termini economici (chi non rischia non rosica, recita l’antico adagio). Investimenti di questo tipo sono quelli azionari e nel settore degli immobili.

In cosa conviene investire nel 2019Come investire nel 2019

Cosa è meglio fare in vista del nuovo anno? Dove è meglio investire nel 2019 ormai alle porte? Investire in azioni potrebbe essere un modo per creare ricchezza senza rischiare eccessivamente il proprio capitale. Attualmente il rendimento medio delle azioni è del 10% all’anno. Il ventaglio di scelta delle azioni in cui investire è assai ampio, ma ci sono due categorie particolarmente interessanti: i titoli di crescita e quelli ad alto dividendo. Anche le obbligazioni a lungo termine possono rivelarsi assai vantaggiose per i piccoli risparmiatori: si tratta di titoli fruttiferi con durata superiore ai dieci anni (di solito i termini sono 20 o 30 anni).

Solitamente il tasso di interesse delle obbligazioni a lungo termine è piuttosto favorevole, in quanto producono rendimenti più elevati rispetto ai titoli fruttiferi a breve termine. Si può scegliere tra: obbligazioni governative, societarie, internazionali e municipali. Altro settore interessante per investire a lungo termine è quello immobiliare (può essere interessante investire nei Fondi di investimento immobiliare, o REIF o anche nel nuovo “crowdfounding immobiliare”).

Investire in settori specifici del mercato

Si può decidere di effettuare investimenti in ambiti specifici del mercato, come ad esempio l’hi-tech. Sono settori altrettanto proficui l’energia, l’agricoltura, i prodotti farmaceutici, l’assistenza sanitaria e il campo immobiliare. Gli investimenti possono anche essere rivolti ad alcuni Paesi o regioni specifici, come l’America Latina.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *